Teatro Caverna

Associazione culturale // La cultura è il nostro ossigeno, ABoccAperta respiriamo: ricerca artistica teatrale - arti visive - letteratura - musica - cinematografia
In repertorio

La Vittima


Una produzione Teatro Caverna

LA VITTIMA 

Liberamente ispirato a Das Brandopfer di Albrecht Goes


con Damiano Grasselli, Viviana Magoni
Regia Damiano Grasselli


“Questo è il mondo.
La grande macina che distrugge i corpi e le vite.
Ma ci sono anche certe piccole, certe infime risorse dell’uomo:
Possiamo dare una fetta di torta a due bambini,
Far giungere a qualcuno un foglio di carta da involgere
O accettare una carrozzina quando tutto sta per finire.
Anche questo possiamo fare.
Un’ora di fiducia.
Un respiro di pace”




La storia
1947. Una città della Germania.
Una misteriosa macellaia con uno sfregio sul volto: la signora Walker.
Una giovane ebrea riuscita a salvarsi dall’orrore: Sabina.
Un bibliotecario che ne ascolta le voci.


La signora Walker delicatamente rievoca quel che i suoi occhi di tedesca hanno dovuto vedere: la guerra, l’impietoso odio nazista, ma, anche e soprattutto, l’amore impossibile, quello per la vita e per la possibilità di salvare in essa qualcosa di grandioso, la speranza.

Scena
Chiedere al teatro di dire il mondo è una sfida strana, il più delle volte, impari: il teatro è nulla rispetto a ciò che ci circonda e alla bestialità umana.
Di fronte a tutto questo il teatro può solo essere poesia in forma di suono. Possono restare soltanto le parole di Goes, prive di aggiunte, di sospiri, ansie, commozioni… puro suono.

In scena un uomo e una donna. La luce è molto debole, l’atmosfera intima e confidenziale.
La narrazione viene scandita da alcune canzoni del periodo nazista.

Solo suono, nulla più…