Teatro Caverna

Associazione culturale // La cultura è il nostro ossigeno, ABoccAperta respiriamo: ricerca artistica teatrale - arti visive - letteratura - musica - cinematografia

Marzo 2021 | Teatro Caverna

Pane e poesia - Atto II


Venerdì 26 marzo
Venerdì 2 e 9 aprile
Dalle 14.00 alle 16.00

 21/03/ 2021

C’È BISOGNO DI PANE
C’È BISOGNO DI POESIA
LA QUESTIONE CARDINALE DELLA PRIMAVERA


Facciamola semplice: in 5 mesi la situazione non è certo migliorata. Avevamo cominciata la distribuzione Pane e poesia a fine ottobre 2020, siamo a fine marzo 2021 e la situazione è sotto gli occhi di tutti: i teatri sono chiusi, i volti delle persone pieni di angoscia, il tessuto culturale e sociale sull'orlo del precipizio.

Due soli venerdì, non risolveremo i problemi del mondo. Siamo qui solo per dire che il teatro è vita. Ancora una volta. Non possiamo arrenderci alla scomparsa dell’ascolto dell’altro.

Il 26 marzo ed il 2 aprile, fuori dal teatro (Bergamo, via Tagliamento 7), dalle 14 alle 16, distribuiamo Pane e poesia a chi ne ha bisogno, con precedenza assoluta ai residenti di Grumello al Piano, il nostro quartiere. Questa volta, essendo la settimana della tanto “declamata” festa del teatro, declameremo... brevi monologhi teatrali.

Due soli appuntamenti: non è il nostro lavoro e farlo ci costa molta fatica, in un periodo in cui le energie morali sono al minimo. In un momento in cui il futuro economico è una grande incognita. Non abbiamo fondi speciali a disposizione: se qualcuno vorrà aiutarci, saremo lieti. Due soli appuntamenti per stare con le persone, per dire, come in un bellissimo monologo di Cesar Brie: Ecco, questo è il mio corpo d’attore, prendete e mangiatene tutti.

Il teatro è vita.

Per darvi un’idea: in autunno ogni settimana distribuivamo circa 300 euro di spesa.

È la nostra festa. Col teatro. Siete tutti invitati.

 

30/03/2021

Per come sarà possibile...
Per come vogliamo porgere la poesia all'altro...
Per come ci hanno guardato...
Per come ci hanno detto che era una piccola gioia...
Per come siamo capaci...
Per come ci sentiamo prima e dopo...
Per come vanno le cose nel mondo...
Per come vediamo le persone soffrire...
Per come vediamo le persone gioire...
Per come ci disgusta l'immobilità...
Per come qualcuno vorrà dare una mano...
Per come sarà possibile...

Abbiamo deciso di prorogare Pane e poesia anche al 9 aprile. Una goccia insignificante in un mare squal(l)ido (senza voler recare offesa ai pesci, ai cani e ai pescecani).

Venerdì, dalle 14 alle 16 distribuiamo un piccolo monologo insieme ad un pacco alimentare. Priorità ai residenti del quartiere. La nostra Festa del teatro è questa. Il teatro non può essere un luogo chiuso. Il teatro è vivo.



Per chi ci volesse sostenere restano valide le indicazioni date in autunno: potete scriverci una mail (damiano@teatrocaverna.it) oppure un messaggio social. Vi daremo indicazioni per aiutarci sia con una donazione (bonifico, paypal o pagamento in sede con carta) oppure per portarci spesa da distribuire.