Teatro Caverna

Associazione culturale // La cultura è il nostro ossigeno, ABoccAperta respiriamo: ricerca artistica teatrale - arti visive - letteratura - musica - cinematografia
In repertorio

I CARE

L’INCONTRO
Nel 2007 Teatro Caverna incontra Giuseppe Gozzini, il primo obiettore di coscienza cattolico italiano che, col suo gesto, ispira gli scritti “Lettera ai cappellani militari” e “Lʼobbedienza non è più una virtù” realizzati da Don Lorenzo Milani.
Lʼincontro con Gozzini, per il nostro gruppo,  è talmente denso di gioia che non può che nascerne una naturale trasposizione sulla figura di don Lorenzo, amato e accarezzato come compagno di viaggio ancor prima che come educatore e pensatore.



LA LETTURA
È proprio a partire da una parziale lettura di un racconto scritto da Gozzini che abbiamo iniziato a costruire “I CARE”, lettura-spettacolo dai testi di don Lorenzo Milani.
Il priore di Barbiana è raccontato attraverso le sue lettere: le più intime alla madre o le “pubbliche” che lo hanno portato al centro di processi; ma anche tramite alcuni stralci significativi dei libri che sempre (tranne le Esperienze Pastorali) portavano la firma collettiva della scuola di Barbiana.



LA SCENA
Una resa scenica molto semplice e minimalista: scarno arredo, povertà di mezzi e una voce narrante.
Una scansione pressoché cronologica dei testi lega come filo conduttore le tappe di unʼesistenza straordinaria e umile. I punti salienti sono sottolineati da semplici “innesti” tecnici: la luce, che ad un certo punto diviene elettrica, la musica, che arriva con lʼavvento della filodiffusione...
Spiegare con semplicità la vicenda umana, sociale, pedagogica e politica di una delle figure che dovrebbero far onore alla storia recente dellʼItalia e che invece, se non dimenticate, vengono incorniciate dietro nostalgici quadretti. Don Lorenzo ha donato vita e vitalità, con una generosità immensa che il nostro lavoro cerca di rendere attraverso la semplicità.