Teatro Caverna

Associazione culturale // La cultura è il nostro ossigeno, ABoccAperta respiriamo: ricerca artistica teatrale - arti visive - letteratura - musica - cinematografia

7 ottobre | Urgnano

Il Soldatino a Experimenta

“PREMIO EXPERIMENTA 2018”

Si è conclusa la selezione dei gruppi teatrali che hanno partecipato al “Premio Experimenta 2018 - Nuove Identità del Teatro Bergamasco” promosso dal Laboratorio Teatro Officina in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Urgnano, la Regione Lombardia (Circuiti Spettacolo dal Vivo) e la Fondazione della Comunità Bergamasca onlus.
Al bando hanno aderito nove realtà sceniche orobiche che ben rappresentano il panorama teatrale della nostra provincia. 
La giuria ha deciso, solo per l’edizione 2018, di allargare a quattro (con un ex aequo) il numero dei gruppi teatrali ammessi al Premio.



Ecco i loro nomi:
- TEATRO CAVERNA: IL TENACE SOLDATINO DI STAGNO - Una storia di sperato amore
- TEATRO EX DROGHERIA: LUCA LUNA
- TEATRO D’ACQUA DOLCE: ASSENZE
- LUNA E GNAC TEATRO: GINO BARTALI - Eroe silenzioso

I quattro spettacoli selezionati saranno inseriti nella programmazione della XXX edizione del Festival Internazionale del Teatro di Gruppo “Segnali Experimenta - Circuiti Lombardia Spettacolo dal Vivo 2018” e presentati al pubblico nei giorni 5 e 6 ottobre alle ore 21.30 e 7 ottobre alle ore 20.30, presso l’Auditorium Comunale (Scuola Media) in via dei Bersaglieri, 68 ad Urgnano (Bg).

Nello specifico Il Tenace Soldatino di Stagno sarà in scena Domenica 7 ottobre alle ore 20.30

I membri della giuria esprimeranno il loro parere finale al termine dell’ultima giornata.

ECCO IL PARERE DELLA GIURIA SU “IL TENACE SOLDATINO DI STAGNO”
Un’ambientazione estremamente poetica e raffinata quella che Teatro Caverna offre del celebre racconto di Andersen. L’operazione definita da Damiano Grasselli, il suo interprete-autore, come uno spettacolo per voce, suono e luci, procede con perizia registica su questi tre binari, sciorinando una serie di eleganti effetti di luce unitamente a delicati tappeti sonori, con l’Erik Satie di Jazzopédie in bella evidenza, che si dipanano intorno a una pregevole macchina scenica che muove e anima giocattoli e colorate silhouettes.
Sicuramente molto buona e adeguata la recitazione (e il suo vero e proprio “impasto” con la partitura musicale) capace di incidere positivamente sul ritmo dello spettacolo, anche grazie ad una precisa scelta di registri di delicata e suadente fattura. Un piccolo gioiellino di qualità e precisione dove il prezioso assetto scenografico fatto di un’oggettistica semplice ma, visivamente, efficace si accompagna a originali soluzioni illuminotecniche. Uno spettacolo adatto a tutte le età per la sua poesia e la capacità di stupire.

(Scopri di più dello spettacolo)